Marriage Permission? Not In A Million Years…Or Maybe Three Years! (Italian Translation)

The wedding bands of Add and his wife.

Saudi women usually are tested acutely when it comes to marrying a non-Saudi, whether it is due to the family’s objections or the government obstacles or both. Some of them give up their right to marry the non-Saudi without a fight and some fight for their right til the very end, never giving up. In the case of Add and his Saudi wife, her family approved of the marriage so that was the easy part and during the hard part of the process, they persevered masha’Allah. I question the fact that anyone would have a difficult time marrying anyone, anywhere. Most notably Saudi women who have to contend with the rising prevalence of spinsterhood. Which is one of the reasons why the marriage permission process was put into place, to avoid a high number of unmarried women in Saudi society. But couldn’t this problem also be offset by actually making it easier for Saudi women to marry non-Saudis? When I read about what happened to Add and his wife and other couples like them, I am convinced that the spinsterhood excuse is a facade, it is really an issue of preserving Saudi nationality and blood lines.

After Add’s marriage permission application was rejected, he did not give up. That is what they want you to do, give up and go away. My husband’s application was rejected the first time as well but he tried again and was successful. So keep trying and as Add said, never give up. EVER!

I deeply appreciate Add keeping a record of his marriage permission journey and sharing it with FHWS. I pray that he and his wife have an everlasting marriage filled with good, happiness and righteousness ameen. 

The FHWS newsletter has been sent out for 9-24 September 2012. Sign up form is located on second column to the right (sidebar).

Tara Umm Omar

PART ONE

As I start writing, a swarm of topics I want to cover flows through my mind; and I come to realize that this post might be monstrous in length and detail. I am not much of a writer so, I ask the readers not to expect much of a backdrop. Perhaps I’ll try and stick to the things that matter in this Saudi/non-Saudi marriage permission saga.

Having said that, I’d like to get into as much relevant detail as possible when it comes to a Saudi and a non-Saudi applying to get government permission to marry. I have found many posts, stories, and blog entries that talk about the subject, but often they aren’t detailed enough in terms of actual requirements, procedures, and related timelines. When comparing to my own story, it was always difficult to know how far I was away from the end of the tunnel and whether the proverbial light was the end of it all, or another bullet train heading my way. Therefore, I will try to make it simple for the readers to understand, and map out the entire process, God willing.

To begin with, I am a Canadian citizen, born in Saudi. I spent my childhood days in Jeddah, up to and including high-school. I then moved back to Canada for over a decade, whilst maintaining my Iqama, or the expat residency permit for Saudi (significant detail this), by visiting Saudi annually. I got engaged to my Saudi fiancée, who is related to me from my father’s side (again, relevant during the permission process), in 2006. We were still young then; I was in my early twenties (less than 25 years of age) and she was below 20 years of age (again, important details).

Having had a handful of Saudi/non-Saudi marriages in the extended family (of over 450 people – imagine the guest list, eh?), including that of my fiancée’s parents, we were aware that we needed to seek permission from the Saudi government, before getting married. However, what we weren’t aware of was how tedious nightmarish it would turn out to be. My father-in-law initiated the process in August 2008; from what I gather, he had to petition to marry his daughter off to me, at the Jeddah Governorate office (muHafadha jiddah – the transliteration from Arabic). The application included a personal letter of request from him and copies of our IDs.

I was in town for summer vacation that year and had already heard of the requirement of the pre-marital medical examinations to judge compatibility between the future couple. I had realized that once I returned to Canada at the end of the holidays, it would have been difficult for me to return at short notice if I got petitioned for my blood samples. I decided to try my luck and visited the authorized government hospital to see if I could give my blood in advance. I was turned away from there—as expected. It was communicated to me by the department staff that an authorized letter from the Police department had to be provided to request a pre-marital test between a Saudi and a non-Saudi. This meant that there was going to be some waiting.

Time passed and I had to fly back. In the meantime, my application file got transferred to the investigations department of the city police, the bHth aljinayi, which roughly translates to the investigations unit, I believe. This is where the application spends 80% of the time during the marriage permission process. The marriage office there, which specializes in Saudi/non-Saudi marriage cases, is in charge of gathering all paperwork from the prospective bride, her guardian

and the groom. In the age of telephones and other modern communication tools, you’d imagine that life would be easy here. Instead, the first time you visit the bHth, you are given a rude awakening.

The marriage section there only welcomes visitors 3 days a week. In order to be served any time before 9.30AM, you need to ensure you get there well before 7AM, which is the official start time (expect to stand outside in the sun for a good half hour though, as the officials are hardly ever punctual). Once inside, you have your name put down on a list and if lucky, find a place to sit while you wait your turn for a good hour or so.

Upon your turn, you are asked to hand over a piece of ID in exchange for a visitor’s access card and gestured to go into the lion’s den. Once in the marriage office (which doesn’t open their doors before 8:45ish), you line up once again. Eventually, when your turn comes, you awkwardly bend over to talk to an official on the other side of a window which is strategically placed for them at head height, but requires you to be placed in an embarrassing half-bowed stance. There, you provide them with your name and are asked to be seated amidst the scarce and uncomfortable steel chairs. One couldn’t be blamed for thinking of the place as a torture chamber, considering the temperatures in the summer reach 50 degrees, and they have no working air conditioner in the waiting room–a stark contrast to the cool air that flows from the official’s side of the window.

Once you are called upon, they will update you on the status of your file. If you’re lucky, they’ll send you on a fool’s errand to gather paperwork to add to the file. If you aren’t that lucky, you’ll be told to come back a couple of days later or next week for the next update. Then you’re left dejected as you realize that you’ve just wasted 3 to 4 hours of your day, and all you take away with you are the sweaty clothes you’re wearing, that could very well win you a wet t-shirt contest. As a footnote, it’s advised that you dress as Arab as you can (thobe, etc.) when visiting government offices.

Be prepared to visit this section numerous times over the course of many weeks/months. I will try and list the papers they ask of the applicant and their future spouse:

From the non-Saudi male (as was in my case):

1. Copy of a valid passport, with an authorized translation into Arabic (if the original is not in Arabic) and attested by the Chamber of Commerce + the original to control against

2. copy of the Iqama + the original to control against

3. copy of the birth certificate; authenticated by the Ministry of Health/Civil Affairs office (as I was born in the Kingdom)

4. Letter from the employer stating the job position and salary of the applicant

5. In the case of him being a widow or divorced, then proof of such

6. Police clearance record (uses old school inked finger prints to be submitted)

7. Copy (in black, not color) of the medical report from the authorized hospital clearing the couple of any genetic diseases; sickle cell anemia, hepatitis, etc. + the original to control against

8. A couple of declaration forms indicating where the applicant resides, contact details, whether there is any relation to the fiancée, and acknowledging that we have not been married to each other prior to the approval, and also don’t have kids already by each
other (such forms will be provided by the officials)

9. 3 Passport sized photos

From the female Saudi (as in the case of my fiancée):

1. Copy of her national ID + original to control against

2. Copy of her father’s ID + original to control against

3. Copy of the father’s family card + original to control against

4. Statement on paper from the girl stating her intent to marry and her fingerprint in ink

5. Letter from her employer indicating where she is employed (should not be a restricted area such as the military, etc.), or a letter from the Umdah (police sanctioned district official) of the district that the girl resides in stating that she is not employed and is a
house-woman, and a counter attestation from the police department; or, alternatively, a print out from the educational institution’s registrar stating that she is enrolled at the said institution as a student

6. Letter from the Umdah certifying that the said girl and her father reside in his district

7. In the case where she has already been married, then a divorce certificate or a death certificate if she is a widow

8. Mini-interview at the female section of the bHth aljinayi

Phew! Quite a list isn’t it? The sad news is that obtaining these pieces of information can run you weeks, or months. Why? Well, in some cases, like the medical examination or police report, not only are they time consuming affairs due to the back-log, but also because each time you visit the bHth, they will only give you one request at a time. Therefore, knowing this list of requirements beforehand only does you so much good; for most of the reports that initiate from a government facility (police record, umdah, medical test, etc.), a signed request by the bHth is the only way you will be entertained (or “entertained”, pun intended).

So the timeline looks like this: first visit, you may get a request to get the medical report. You and your future spouse visit the hospital and give blood samples. The non-Saudi spouse pays SR400 for the test. Results take 3 weeks to arrive. You take it back to the bHth, they may give you a request for police clearance. The results take 4 weeks to be furnished. You go back to the bHth, you get asked to follow up a week later. You go back, you get asked to come back 2 days later. You go back, you are asked to fetch a letter from the Umdah. And the list goes on.

Keep in mind that any request paper given to you by the marriage office at bHth will need to be signed and stamped by the director of affairs of that section before it can be accepted by the recipient (police, hospital, Umdah, etc.)

There is an important note regarding the required documents; If you recall, I had maintained my residency permit by visiting annually. However, I was still under the sponsorship of my father, as a ‘student’. Technically, I was working in Canada by then, but it was either I continue to show myself as a ‘student’ in Saudi, or risk losing my residency permit altogether. This, however, proved to be a whole different can of worms.

Apparently, if you have a student’s iqama, you are not allowed to continue your application for marrying a Saudi – period. This meant I had to relocate to Saudi and start hunting for a meaningful job at a company that would be willing to be my sponsor. It took me several months and many interviews to find a job I would be happy with, and after completing my probation period with them, I asked the company to initiate the process of transferring my sponsorship which would naturally change my status from student to a professional.

Before this matter could be resolved, however, I got hit with yet another obstacle; my Canadian degree which had been attested by my university, the Canadian Foreign Affairs office, counter-attested by the Saudi Embassy in Ottawa, as well as by the Canadian Embassy in Riyadh, was not acceptable to the lovely folks at the Saudi Ministry of Foreign Affairs (responsible for counter-attesting foreign documents before they can be used by the Labor Office to transfer the sponsorship). The reason, you wonder? Despite the degree having been attested by the highest Saudi authority in Canada, the Ministry of Foreign Affairs (MOFA) wanted an attestation by the
Saudi Cultural Attaché in Ottawa. Ok, well no big deal, I thought. All I had to do was make a call to this mysterious office, FedEx my documents and get it back, right? Wrong!

Upon calling the SCA in Ottawa, I was told that they do not offer this service to non-Saudi graduates, and they insisted that since it was already stamped by the Saudi Embassy, it would be sufficient for any official purposes inside Saudi. Trying to explain this to the MOFA officials (multiple ones in 2 different cities on no less than 8 occasions over the course of 6 months) was fruitless. Despite showing them the printout of an official email from the SCA stating that they do not offer this service, MOFA would not budge and kept rudely dismissing me from their presence. They would simply not hear any logic whatsoever.

After an ordeal of over 6 months, with numerous international calls to the Saudi Embassy, the Saudi Cultural Bureau, and plenty of humiliation and distress from the Saudi MOFA, I found a wasta inside the MOFA, who then petitioned the same official that denied me several times, and got it stamped. I stood there bemused. Perhaps it was my fault in wanting to follow the system and getting things done without influence; but I should have realized that wasta and bribery are the system here in the magic Kingdom.

Another 2 months elapsed, and I finally got my iqama issue fixed. With a renewed sense of vigor, I approached the bHth again, only to be told after hours of waiting that my file had been moved to the archives due to inactivity, and I would have to pay them a visit the following week to follow up. But before I left, I was asked to petition to the director of affairs to have my file retrieved from the dungeons. Thankfully, that didn’t take me more than a half hour (a miniscule amount of time, considering the timeline of events).

By the following week, I had completed all the required paperwork (as a side note: the process started in August of 2008, and at this point, we were in the middle of August of 2010). I was then asked to have my fiancée visit the women’s section of the bHth in order to be interviewed by one of the female officers. The interview is nothing but a scare tactic for the officer to try and talk the Saudi woman out of this unholy union with a non-Saudi. They repeatedly iterated the fact that she will face marital problems marrying a foreigner, and that her children will not be Saudi, amongst other things. She was then asked to sign a waiver that says that she has been made aware of the dangers of marrying a foreigner, and that her fiancé does not intend to apply for Saudi citizenship. Loving people, aren’t they?

Fast forward a few weeks, after several visits to follow up on the status of the application, I was told that the file had been transferred to the Jeddah Governorate office. Oh, what joy! I had heard that this would indicate that I was nearing the end of the process. It also meant that I wouldn’t have to sweat away my body fat waiting to follow up at the bHth anymore. The Jeddah Governorate has a (21st century) system of checking on the status of the file through SMS. Before that, however, a visit in person in order to obtain the new file number is still required.

One has to have a sense of humor around the fact that each time the file is moved from one government department to another; the process generates 2 new file numbers to follow up with. The first is the transit number which will be issued at the departing  department; you’ll use this number to follow up at the recipient department, no earlier than 4 business days later, to receive the new file number for the recipient department. At the end of it all, you need a folder just to safe-keep the numerous file numbers and receipts.

Moving along, the cool thing about the governorate, as I mentioned, was the ability to track in some detail, the activity of your file via sending a short SMS code. The first update I found was that the file was under review. Days passed and the status didn’t change. Offices closed for Eid holidays and reopened and still no update. My father-in-law decided to visit the governorate’s office to follow up, only to be told that the status meant that we had to visit them for a follow up interview. The interview would be with the groom-to-be, the father of the bride-to-be, and two male witnesses.

The department that handles this interview at the governorate is only open for 1 hour, between 10AM and 11AM. So, we had to make sure we were there early to beat the rush. When our turn came, the witnesses pre-signed that all the information to be taken from the groom and his future father-in-law is accurate. The officer then asked a set of standard questions of the father-in-law: name of the bride, place of birth, education, etc. The same questions were then directed at me, and a few more like my salary, and relationship to the girl. He then asked me a fine question. “Why do you want to marry a Saudi?”.  He read out the question with a straight face. I was stumped.

I did not know if he had a really good sense of humor, or was I really expected to reply to such a question. I gave a questioning glance at him. He repeated the question with a blank stare. At that point I was so dumbfounded with the seemingly stupid question that all I could mutter was, “because I am destined to”. This drew a silent chuckle from my father-in-law.

Nevertheless, once it was over, we were asked to keep following up–with no definite timeline. I would send multiple SMS’s during the day to check for updates. It went from department to department and then out to the Regional Governorate (Emara Makkah). This was a good sign, as I had heard. The folks there would be the ones to give the final stamp of approval, I was told by my sympathizers.

The Emara has their own tracking system on the web. So, after obtaining the new transit number followed by the new file number, I bemusedly tracked how often my file bounced from department to department. November 2010 rolled around, and the file got sent back to the mHaftha Jeddah. I thought this was great news, as the file had been pushing forward at a pace much quicker than when it was at the bHth. I decided to follow up at the mHaftha a few days later, only to be told it was transferred to the police department. At this point I was stumped. In fact, I was very worried. Not because I thought they would find incriminating evidence against the can of Pepsi I had shoplifted when I was 6 (yea, sue me), but because, from what I had heard, the file should have been sent to the marriage court if everything had gone right.

I followed up at the police department only to be told it had been sent back to the bHth aljenaye! I was further astounded. I told myself that perhaps there was a document missing and that’s all they required. Or perhaps, the file will be transferred to the court from the bHth.

A few days later my father-in-law visited the bHth and called me from there to give me the dreaded news that shattered my dreams and shook me to the core: my petition to marry my Saudi fiancée, despite fulfilling all the required paper work, and after a tedious run around of more than 2 years, had been rejected, and the file had been permanently closed.

To be continued…

PART TWO

We were devastated to hear the news. Dreams and hopes came crashing down in a heap. My fiancée was sobbing and other members of our families were close to breaking down as well. We were collectively left angered, frustrated and heart-broken. Two and a half years of running around, only to be told that the request had been rejected. So much for the Kingdom of Humanity. What was even more infuriating was the reason provided for the rejection; the Saudi bride-to be had not met the age requirements.

I invite the readers to appreciate the intensity of our fury under the light of the following facts:

1) The bHth al Jinayi are the people responsible for ensuring that the applicants meet all the requirements before the file is forwarded to the emara. Otherwise, the applicants are told to either fulfill those requirements, or asked not to bother proceeding. For them to
proceed with requests for documentation is clear enough proof that we had met all the requirements and all that was remaining were the formalities of approval.

2) Secondly, and most importantly, the emara operates under the Ministry of Interior. Hop on to their website (www.moi.gov.sa) and look up the section for requirements for Saudi women marrying foreigners born in Saudi Arabia. The website clearly states that the
Saudi woman in this scenario needs to be 21 years of age or over. My fiancée was 23 (24 according to the Islamic calendar). Now go figure!

When my father-in-law tried to debate the last point with a print-out from the ministry’s website stating the age requirements, he was brushed aside by the official who muttered under his breath something along the lines that those rules don’t matter, and what matters is what the official at the emara thinks should be done to the couple’s application.

I frantically started to search for alternative solutions to the problem. People around me suggested we get married outside, or in secret or to move out of the country, but none of them were practical or safe solutions. The only way out that I could envision at that point in time was to find someone reliable who could bribe someone higher up to get our marriage approval.

When I asked around, the asking price started at SR 40,000 (US$ 10,665) and up. Not only would that burn a huge hole in my pocket, but I also heard there were plenty of fakes around town promising solutions and then have them nowhere to be found after taking half the amount in advance.

I then recalled my dad had mentioned he was involved in a project for the expansion of a royal princess’s palace. My dad and his Italian boss had met the princess a few times in regards to the work she had wanted done. I asked my dad to see if he could get her to help us out. I wasn’t sure if she would or could, but it was worth a try.

My dad made an appointment with her personal staff and visited her palace to explain the situation. It turned out that she was one of the sisters of Prince Naif bin Abdul Aziz, the long standing Minister of Interior and Deputy Crown Prince. Luckily for us, she sympathized with our plight and agreed to help.

A few days later my dad re-visited her palace and her office secretary wrote a personal letter addressed to the emara requesting to expedite my case and process the situation without further hindrance. The letter was written on her royal letterhead and personally signed by the princess accompanied by her royal seal.

When my dad brought the letter home, I was overjoyed – they wouldn’t dare cause any problems now, I proclaimed! For eons I had heard about the power of wasta, and what stronger wasta than the one from the Interior Minister’s sister? Surely, it would be a matter of days now, I figured, till I had the permit in hand. I dropped off the letter with my father-in-law that evening and asked him to revisit the emara and petition again, this time armed with the royal letter.

Surely, there was a difference in attitude from the officials the next morning, when they saw the letter and they accepted the letter along with copies of our IDs. They asked my FIL to check back in a few days. Things seemed OK so far.

The morning after, my father-in-law got a call from a higher official at the emara, sharing some striking news. Somehow, the letter had been tampered with and could not be used to file the case! He wasn’t clear on how it had happened, but told my father-in-law to collect the damaged letter and to replace it with a new one by the princess’ office. The official mentioned that he had already contacted the princess’ office and explained the situation and it wouldn’t be a problem.

“Baloney!”, I exclaimed. We all cried foul at what we thought was, a deliberate attempt at not allowing our application to pass through with the wasta. Nevertheless, my father-in-law, the patient man he is, revisited the emara to pick up the letter, only to find out that somehow, tea had been spilled over half the page; making it indeed illegible.

However, getting the princess to sign another letter would not be easy, my dad proclaimed. She’s known for her short temper – one of my dad’s co-workers had been tossed into the palace’s septic tank because the princess had overheard him borderline bad-mouthing
her behind her back. My dad decided to brave another visit regardless, and surely she was extremely ticked off at the emara officials and demanded the head of the employee who dared to mishandle her letter. After much fuming however, she asked her office secretary to produce another letter and was nice enough to sign it.

The process was repeated; father-in-law visited the emara, submitted the application and was asked to check after a few days. The days passed by and on revisiting, he found out that the file had been transferred to the bHth al jinaye yet again. This was not good, we concurred. If the wasta had worked, we had imagined the file would have been transferred to the court by then. It hadn’t, obviously and we were soon to find out that I had to go through the same cycle yet again.

Copies of IDs, attested copy of the birth certificate, police clearance, medical clearance and the whole she-bang had to be repeated. When I asked the officials whether the princess’ letter made any difference, he whispered that it doesn’t make any difference, unless the petition was from a minister. So much for wastas, I thought. What’s was worse was that all these clearance and attested copies that I had had from the previous application were disregarded. Not only would they not reuse the papers from the old application, they had me go through the whole ordeal again because the clearances are only valid for 6 months from the issue date.

This time I was smarter from experience, and knew exactly where to go and what to do. In fact, I even told the official at bHth al jinaye that I am aware of the requirements, to spare me the trouble and hand over the request papers in one go, instead of stagnating them like the first time. I was then told in no unclear terms that it is their policy to provide papers one at a time in order to prolong the process as much as possible. And there it was, ladies and gentlemen; admission right from the horse’s mouth.

Fast forward three months and the file was complete and forwarded to the mHaftha Jeddah, just like the first time, and I was interviewed again. The same set of questions, however, this time I responded differently to the last one; “Why do you want to marry a Saudi?”. I replied, “She’s the girl for me, we are related, and she just happens to be Saudi”.

After following up on the status of the application for over a week, the file got transferred to the general court. This wasn’t the court that handles marriages, mind you. So, it is not quite the end of the story, yet. This court would establish the fact that my fiancée and I are related. The process required the presence of my fiancée and I, as well as two sound male witnesses, and two more witnesses to testify the sound character of the first pair of witnesses.

After a wait of 2 hours beyond the appointed time, the judge showed up and asked his secretary to complete the paperwork proving that we were related by blood. The process itself took no more than 10 minutes and 4 signatories.

The attested certificate then got attached to our file and was sent back to the emara. The application bounced around 3 different departments within the emara, as I witnessed the status via the online tracking, until it got transferred to the Ministry of Interior. I followed up by paying them a visit at the Jeddah branch, only to discover that the file had been transferred to Riyadh, and would take at least a month to return.

This was unsettling because I had consistently heard from people that the applications for marriage permission no longer go to Riyadh and are handled by the regional offices of the emara. I was corrected by the MOI official in Jeddah, however, that in the case where the non-Saudi is the male applicant, the file being routed to Riyadh is a regular procedure. Apparently, in such cases, marriage approval is required by two bodies; the regional emara as well as the central Interior Ministry.

I tracked the status of the file at the MOI through their website and was relieved 3 weeks later when the file was transferred back to Jeddah. Frankly, I wasn’t comfortable with the inter-city movement of the file; I’d heard too many horror stories of files being ‘lost’ in transit.

The file then bounced around within the emara for about a week or so, until one morning, I hopped online to check the status of the application on the emara’s website and lo, behold! The file was transferred to the Court of Guarantees and Marriages! I sat there in shock and awe as the realization of my dreams settled in. This was the moment that I had struggled for. This was the screenshot I had hoped to see night after day. This was the moment, one week short of 3 years in the making. Filled with euphoria, I spread the news to my parents, father-in-law and the wife to be. She could barely contain herself and almost went into a state of shock. It was surreal to say the least.

In a rush of adrenaline, I foolishly visited the court the same morning, only to be reminded that the file takes at least 4 to 5 days to arrive from the emara. But who would blame me for trying, right?

A few restless days later, I revisited the court and was directed to meet a long bearded official in charge of marriage permissions. He checked through his files and found mine, but threw another wrench in the wheelworks. He wanted copies of our IDs and the original medical clearance certificate provided to us by the hospital. I implored him to use the copies included in the file on hand but he would have none of it.

Not much could be done at that point as we had to travel out of town for a cousin’s wedding. Upon my return a weekend later, I paid a visit to the official at the court with all the required paperwork, only to find out that the court had been out of power from the day before, with no signs of a solution forthcoming. I rolled my eyes at the pathetic situation and just loitered around the court, hoping and praying for divine powers to intervene.

As I waited, I spotted the official and asked him for my file. He brushed me aside as he was leaving the court suggesting that he cannot operate without power. I reminded him that the files were not electronic and he didn’t even have a computer in his office. He then replied with a statement that embodies the attitude of most government officials in the Kingdom, “I cannot work without the AC”.

Swell, I thought. I hung around longer and prayed harder for electricity to return. I even contemplated at one point to purchase a power generator for the court, if that’s what it took to finally book an appointment with the judge.

Two hours later, one of the phases of the electricity returned. I followed the official back into his office and submitted the remaining papers. He then penned down the approval number on a piece of paper and asked me to head to the reservations section to book an appointment.

Once the computer got up and running, I requested the official behind the computer desk to provide me with an appointment a few days later, as opposed to the one he would have given me for the following day. My father-in-law hadn’t returned from the trip to my cousin’s wedding and the marriage wouldn’t be possible without his presence. The official would have none of it and brushed me aside, suggesting that I try again next week.

By now, I had found myself accustomed to such behavior and had developed the confidence to deal with such scenarios. I marched into the office of the Head of the Court and demanded a hearing. I was asked to proceed into his office by the secretary. I briefly explained my conundrum to the Head of the Court. He jokingly suggested that I try for an appointment next year but when he realized I did not appreciate his sense of humor, he quickly made a phone call to the official handling the appointments to make an exception in my case and to provide me with the date I had requested. An official receipt was provided indicating that the marriage formalities would be done at 8:45 on the following Saturday morning.

It must have been the slowest 4 days of my life. Saturday could not come any sooner. Sleepless nights passed with growing anticipation until the morning. Barely having slept, I arrived at 8:15, wearing a crisp new thobe; pretending to be all Saudi and what not. My fiancée arrived with her parents shortly after. And just so we weren’t short of any of the two required witnesses, a total of 5 additional witnesses arrived as back-up. After the journey we had to take to get here, no one wanted to leave anything to chance.

An hour and a half later, the judge arrived and we were the first to be summoned in. The judge asked me and my father-in-law to be seated in front, and my wife on the sofa to his right. Of course, by now the readers may realize that where my story is concerned, nothing goes without hiccups. Therefore, in spirit of the obstacles I had already faced in the last three years, the judge flipped through the file and realized a document was missing. The medical clearance record was not attached to the file. The judge summoned an official and asked him to look for the missing papers. In the meantime he was efficient enough to ask us to step aside as he completed the ceremony for the second couple in line.

I suppose I was OK with that, as watching the ceremony from the sidelines sort of calmed my nerves. Thankfully, the missing documents were brought in shortly after, and we were summoned to resume our positions. The ceremony itself was very short – barely took two minutes to be over with. He read out some passages, asking my father-in-law to repeat after him, then told to me to repeat after him and then proceeded to sign off the register. That was it! A two minute process that was three years in the making! Talk about making a mountain out of a molehill.

I collected the marriage contract which was in the form of a booklet, containing our names, and that of the witnesses and my father-in-law along with the mahr amount. Once it was stamped by the head of the court, we walked out officially as man and wife.

The festivities have begun and the wedding and walima ceremonies are coming up back to back; plenty of things to do and not enough time. But what’s life without some stress, eh?

Here’s hoping my story is able to shed some light on the finer details of obtaining permission to marry a non-Saudi woman, how to handle stress and what to expect. For the benefit of those applying from Jeddah, I am including links to Google maps of where each department is. Hope it helps. I will also check from time to time and try to answer any questions the readers may have.

Here’s wishing all the best to those applying for the permit. Remember, never give up!

bHth al Jinayi: http://bit.ly/pvICzp

mHaftha Jeddah: http://bit.ly/n0nBEC

emara Makkah: http://bit.ly/pgCmf3

Jeddah Maternity Hospital: http://bit.ly/rnSEJi

Photo Credit: Add

_____BEGIN ITALIAN TRANSLATION_____

Permesso di matrimonio? Nemmeno tra un milione di anni…o forse tra tre anni! Traduzione italiana di A.P.

Le donne saudite sono sottoposte di solito a dura prova quando si tratta di sposare un non-saudita, vuoi per via delle obiezioni della famiglia vuoi per via degli ostacoli posti dal governo, o per entrambi i motivi. Alcune rinunciano al loro diritto di sposare il non-saudita senza combattere e alcune combattono per il loro diritto fino alla fine, senza mai rinunciare. Nel caso di Add e della sua moglie saudita, la famiglia di lei approvava il matrimonio perciò questa è stata la parte facile, e durante la parte difficile del procedimento hanno perseverato, grazie a Dio. Io dubito del fatto che chiunque potrebbe avere difficoltà a sposare chiunque, ovunque. E specialmente le donne saudite che devono vedersela con la crescente prevalenza del nubilato, il quale è una delle ragioni per cui è stata creata la procedura per il permesso di matrimonio, allo scopo di evitare un alto numero di donne non sposate nella società saudita. Ma questo problema non potrebbe essere controbilanciato anche rendendo in effetti più facile per le donne saudite sposare non-sauditi? Quando leggo cosa è successo ad Add e sua moglie e ad altre coppie come loro, sono convinta che la scusa del nubilato sia solo di facciata, mentre in realtà la questione è preservare la cittadinanza saudita e gli alberi
genealogici.

Dopo che la richiesta di permesso di matrimonio di Add è stata rifiutata, lui non ha desistito. Questo è ciò che loro vogliono che tu faccia, rinunciare e andartene. Anche la richiesta di mio marito è stata rifiutata la prima volta, ma ci ha riprovato ed ha avuto successo. Perciò continuate a provarci e, come ha detto Add, non rinunciate mai. MAI!

Davvero apprezzo che Add abbia tenuto un diario del suo viaggio per il permesso di matrimonio, e lo abbia condiviso con FHWS. Prego che lui e sua moglie abbiano un matrimonio che duri tutta la vita, pieno di bene, felicità e rettitudine. Amen.

Tara Umm Omar

PRIMA PARTE

Mentre inizio a scrivere, un’ondata di argomenti che vorrei affrontare scorre nella mia mente; e mi rendo conto che questo post potrebbe diventare gigantesco in lunghezza e nei dettagli. Non sono uno scrittore, perciò chiedo ai lettori di non aspettarsi un racconto pieno di dettagli e ben fatto. Forse proverò a fissarmi sulle cose importanti in questa saga del permesso di matrimonio saudita/non-saudita.

Ciò detto, vorrei entrare il più possibile nei dettagli rilevanti per quanto concerne una saudita e un non-saudita che fanno domanda per ottenere il permesso del governo per sposarsi. Ho trovato molti post, storie e blog che parlano di quest’argomento, ma spesso non sono sufficientemente dettagliati in merito agli effettivi requisiti, procedure e correlate scadenze temporali. Quando penso alla mia storia, era sempre difficile sapere quanto io fossi lontano dalla fine del tunnel e se la proverbiale luce fosse la fine di tutto, oppure se un treno ad alta velocità stesse procedendo nella mia direzione. Perciò cercherò di semplificare per il lettore capire e identificare le coordinate dell’intero processo, a Dio piacendo.

Tanto per iniziare, io sono un cittadino canadese nato in Arabia Saudita. Ho trascorso l’infanzia a Jeddah, fino alla fine della scuola superiore. Poi sono tornato in Canada per oltre dieci anni, conservando però il mio iqama, ovvero il permesso di residenza in Arabia Saudita per uno straniero (dettaglio significativo questo), tornando in Arabia Saudita ogni anno. Mi sono fidanzato con la mia fidanzata saudita, che è imparentata con me dal lato paterno (altro dettaglio significativo durante la procedura per il permesso) nel 2006. Eravamo ancora giovani allora; io avevo meno di 25 anni, e lei meno di 20 (ancora, dettagli importanti).

Avendo avuto un certo numero di matrimoni saudita/non-saudita nella famiglia estesa (di oltre 450 membri – immaginate la lista degli invitati!), incluso quello dei genitori della mia fidanzata, eravamo consapevoli del fatto che dovevamo chiedere il permesso del governo saudita prima di sposarci. Tuttavia, ciò di cui non eravamo consapevoli era quanto questa cosa si sarebbe rivelata lunga e da incubo. Mio suocero ha iniziato la procedura nell’agosto del 2008; da quanto so, ha dovuto fare richiesta di dare sua figlia in sposa a me presso l’ufficio del Governatorato di Jeddah
(muHafadha jiddah – la traslitterazione dall’arabo). La richiesta includeva una sua personale lettera di richiesta e copie dei nostri documenti di identità.

Io ero in città per le vacanze estive quell’anno ed ero già informato in merito al requisito degli esami medici prematrimoniali per stabilire la compatibilità nella futura coppia. Mi ero reso conto che, una volta ritornato in Canada alla fine delle vacanze, sarebbe stato difficile per me ritornare con breve preavviso se mi fosse stato chiesto di fare un prelievo di sangue. Ho deciso di tentare la sorte e mi sono recato presso l’ospedale governativo autorizzato per vedere se potevo anticipare il prelievo.

Mi hanno mandato via, come mi aspettavo. Mi è stato comunicato dallo staff del dipartimento che bisognava fornire una lettera autorizzata dal dipartimento di Polizia per richiedere un test prematrimoniale tra una saudita e un non-saudita. Ciò significava che bisognava aspettare un po’.

Il tempo passava ed io ho dovuto tornare a casa. Nel frattempo, il file della mia domanda è stato trasferito all’ufficio investigazioni della polizia cittadina, la bHth aljinayi, che più o meno significa unità investigativa, credo. Questo è il posto in cui la domanda trascorre l’80% della durata del procedimento per il permesso di matrimonio. Qui l’ufficio per i matrimoni, specializzato in casi di matrimoni tra sauditi e non-sauditi, ha l’incarico di raccogliere tutti gli incartamenti della futura sposa, del suo tutore e dello sposo. Nell’era dei telefoni e di altri strumenti di comunicazione moderni ci si potrebbe immaginare che qui la vita sia facile. Invece, la prima volta che si visita la bHth si ha un brusco risveglio.

Qui la sezione matrimoniale accoglie i visitatori solo tre giorni a settimana. Per avere il proprio turno prima delle 9.30, bisogna assicurarsi di arrivare ben prima delle 7, che è l’orario di inizio ufficiale (bisogna aspettarsi di aspettare in piedi fuori al sole comunque per una buona mezz’ora, perchè i funzionari non sono quasi mai puntuali). Una volta dentro, il proprio nome viene inserito in una lista e se si è fortunati si trova un posto a sedere mentre si aspetta il proprio turno per una buona ora.

Quando viene il proprio turno, ti viene chiesto di esibire un documento di identità in cambio di un cartellino di accesso visitatori, e ti viene fatto cenno di entrare nella tana del leone. Una volta entrato nell’ufficio per i matrimoni (che non apre le porte prima delle 8.45 circa), ti rimetti in fila. Alla fine, quando viene il tuo turno, ti chini maldestramente per parlare con un funzionario che sta dall’altra parte del vetro, strategicamente piazzato per loro ad altezza di testa, ma che ti rende necessario posizionarti in un imbarazzante semi-inchino. Qui fornisci loro il tuo nome e ti viene chiesto di prendere un posto a sedere tra poche e scomode sedie di acciaio. Si potrebbe non a torto considerare questo posto come una camera di tortura, considerato che le temperature arrivano a 50 gradi in estate, e non c’è aria condizionata che funzioni nella sala d’attesa – in stridente contrasto con l’aria fresca che arriva dal lato del vetro in cui siede il funzionario.

Quando ti chiamano, ti aggiornano sullo stato del tuo file. Se sei fortunato, ti fanno imbarcare nell’inutile impresa di raccogliere ulteriori incartamenti da aggiungere al tuo file. Se non sei così fortunato, ti viene detto di ritornare dopo un paio di giorni o la settimana successiva per il prossimo aggiornamento. Poi resti deluso quando ti rendi conto che hai appena sprecato dalle 3 alle 4 ore della tua giornata, e tutto ciò che ti porti via sono i suoi vestiti inzuppati di sudore, che potrebbero

facilmente farti vincere una gara di t-shirt bagnate. Come nota a margine, è consigliabile vestirti da arabo il più possibile (thobe ecc.) quando vai negli uffici governativi.

Preparati a recarti in questa sezione svariate volte nel corso di molte settimane/mesi. Cerco di stilare una lista dei documenti che chiedono a chi presenta domanda e al suo futuro coniuge:

Dal maschio non-saudita (come nel mio caso):
1.Copia di un passaporto valido, con una traduzione autorizzata in arabo (se l’originale non è in arabo) e autenticata dalla Camera di Commercio + l’originale per riscontro
2.copia dell’iqama + l’originale per riscontro
3.copia del certificato di nascita, autenticato dal Ministero della Salute/ ufficio Affari Civili (dal momento che sono nato nel Regno)
4.Lettera del datore di lavoro comprovante la posizione lavorativa e lo stipendio di colui che ha presentato domanda
5.Se lui è divorziato o vedovo, prova del suo stato civile
6.Certificato del permesso di polizia (debbono essere presentate impronte digitali prese con l’inchiostro dei tempi della scuola)
7.Copia (b/n, non a colori) del certificato medico emesso dall’ospedale autorizzato che accerta l’inesistenza nella coppia di qualsivoglia malattia genetica; anemia falciforme, epatite, ecc. + l’originale per riscontro
8.Due moduli in cui si dichiara dove risiede colui che presenta domanda, dettagli di contatto, se c’è un qualche legame con la fidanzata, e che dichiarano che non ci siamo sposati prima dell’approvazione e anche che non abbiamo figli (questi moduli verranno forniti dai funzionari)
9.Tre foto formato passaporto

Dalla donna saudita (come nel caso della mia fidanzata):
1.Copia del suo documento di identità + l’originale per riscontro
2.Copia del documento di identità di suo padre + l’originale per riscontro
3.Copia dello stato di famiglia di suo padre + l’originale per riscontro
4.Dichiarazione cartacea della ragazza in cui esprime la sua intenzione di sposarsi e sua impronta digitale in inchiostro
5.Lettera del suo datore di lavoro che indichi dove lavora (non dovrebbe essere un’area con delle restrizioni, tipo l’ambito militare ecc.), o una lettera dall’Umdah (funzionario di distretto autorizzato dalla polizia) del distretto in cui risiede la ragazza attestante che lei non lavora ed è una casalinga, e una contro-attestazione dal dipartimento di polizia; o, in alternativa, una stampa fatta dal responsabile dell’anagrafe dell’istituzione educativa che attesti che è iscritta nell’istituto come studentessa
6.Lettera dall’Umdah attestante che la ragazza e suo padre risiedono nel distretto di lui
7.Nel caso in cui lei sia già stata sposata, un certificato di divorzio o un certificato di morte se è vedova
8.Mini-intervista presso la sezione femminile della bHth aljinayi

Bella lista, eh? La brutta notizia è che per ottenere queste informazioni ci possono volere settimane o mesi. Perchè? Beh, in certi casi, tipo l’esame medico o il report della polizia, si tratta di procedimenti che durano a lungo non solo per via dell’arretrato di lavoro, ma anche perchè ogni volta che vai alla bHth acconsentiranno solo ad una tua richiesta per volta. Perciò, conoscere in anticipo questa lista di requisiti ti può fare solo bene; per la maggior parte dei report che partono da un’istanza governativa (certificato di polizia, umdah, test medico ecc.) una richiesta firmata dalla bHth è l’unico modo per essere presi in considerazione (o “intrattenuti”, con un voluto gioco di parole).

Perciò la tempistica sembra essere la seguente: prima visita, potresti ottenere una richiesta per avere il certificato medico. Tu e il tuo futuro coniuge andate all’ospedale e fate un prelievo di sangue. Il coniuge non-saudita paga 400 SR per il prelievo. I risultati arrivano dopo tre settimane. Li porti alla bHth, potrebbero darti una richiesta per il certificato della polizia. I risultati arrivano dopo quattro settimane. Torni alla bHth, ti chiedono di tornare dopo una settimana. Torni, ti chiedono di tornare dopo due giorni. Torni, ti chiedono di portare una lettera dell’Umdah. E la lista continua.

Tieni a mente che ogni documento di richiesta che ti viene dato dall’ufficio per i matrimoni della bHth dovrà essere firmato e timbrato dal direttore degli affari di quella sezione prima di poter essere ricevuto dal ricevente (polizia, ospedale, Umdah ecc.).

C’è una nota importante concernente i documenti richiesti; se vi ricordate, avevo conservato il mio permesso di residenza tornando ogni anno. Tuttavia, ero ancora sponsorizzato da mio padre, come “studente”. Tecnicamente, all’epoca lavoravo in Canada, ma o continuavo a presentarmi come “studente” in Arabia Saudita oppure rischiavo di perdere di perdere il mio permesso di residenza. E tuttavia questo è risultato essere un altro vaso di Pandora.

A quanto sembra, se hai un iqama come studente non hai il permesso di portare avanti la tua domanda per sposare un saudita. Ciò significava che dovevo trasferirmi in Arabia Saudita e cominciare ad andare a caccia di un lavoro degno di questo nome presso una compagnia che fosse disponibile a farmi da sponsor. Mi ci sono voluti parecchi mesi e molti colloqui per trovare un lavoro che mi soddisfasse, e dopo aver terminato il mio periodo di prova con loro ho chiesto alla compagnia di avviare il processo per trasferire la mia sponsorizzazione, la qual cosa avrebbe naturalmente cambiato il mio status da studente a professionista.

Prima che questa faccenda potesse essere risolta, tuttavia, mi sono scontrato con un altro ostacolo; la mia laurea canadese, che era stata autenticata dalla mia università, dall’ufficio canadese per gli Affari Esteri, contro-autenticata dall’ambasciata saudita a Ottawa e anche dall’ambasciata canadese a Riyadh, non era accettabile per la simpatica gente del Ministero degli Esteri saudita (responsabile della contro-autenticazione di documenti stranieri prima che possano essere utilizzati dall’Ufficio del Lavoro per trasferire la sponsorizzazione). Per quale ragione, vi domandate? Nonostante la laurea fosse stata riconosciuta dalla più alta autorità saudita in Canada, il Ministero degli Esteri (MOFA) voleva un’attestazione da parte dell’Attachè Culturale saudita ad Ottawa. Ok, non è un gran problema, pensavo. Tutto ciò che dovevo fare era una telefonata a questo misterioso ufficio, mandare i miei documenti via corriere e averli di ritorno, giusto? Sbagliato!

Quando ho chiamato il SCA [Saudi Cultural Attaché] a Ottawa, mi è stato detto che non offrivano questo servizio ai laureati non-sauditi, e hanno insistito che dal momento che [il certificato di laurea] era già stato timbrato dall’ambasciata saudita, ciò sarebbe stato sufficiente per qualsivoglia scopo ufficiale in Arabia Saudita. Tentare di spiegare questo ai funzionari del MOFA (svariati in due diverse città in non meno di otto occasioni nell’arco di sei mesi) è stato inutile. Nonostante il fatto di mostrare loro la stampa di un’email ufficiale del SCA attestante che loro non offrono questo servizio, il MOFA non si è mosso di un millimetro e ha continuato a mandarmi via con modi
sgarbati. Semplicemente non davano ascolto a qualsivoglia logica.

Dopo un periodo terribile di oltre sei mesi, con numerose chiamate internazionali all’ambasciata saudita, al Saudi Cultural Bureau, e tanta umiliazione e sofferenza causate dal MOFA saudita, ho trovato un wasta dentro il MOFA, che ha presentato richiesta allo stesso funzionario che mi aveva negato [il riconoscimento] parecchie volte, e ha ottenuto il timbro. A quel punto ero confuso. Forse era stata colpa mia voler seguire il sistema ed ottenere di far fare la cose senza ricorrere a conoscenze; ma avrei dovuto capire che il wasta e la corruzione sono il sistema qui nel Regno
magico.

Due mesi dopo, finalmente ho risolto la questione del mio iqama. Con rinnovata energia, mi sono nuovamente rivolto alla bHth, solo perchè mi venisse detto, dopo ore di attesa, che il mio file era stato archiviato per inattività, e che avrei dovuto tornare da loro la settimana seguente per la prosecuzione. Ma prima che me ne andassi, mi è stato chiesto di fare domanda al direttore degli affari perchè il mio file venisse recuperato dai sotterranei segreti. Fortunatamente, la cosa non mi ha preso più di mezz’ora (minuscola quantità di tempo, considerata la tempistica degli eventi).

Nell’arco di una settimana avevo completato tutto l’incartamento richiesto (nota bene: la procedura era iniziata ad agosto 2008, e a questo punto eravamo ad agosto 2010). Mi è stato dunque chiesto di far andare la mia fidanzata alla sezione femminile della bHth per avere un colloquio con uno dei funzionari donne. Il colloquio non è altro che una tattica intimidatoria del funzionario per convincere la donna saudita a lasciar perdere questa unione sacrilega con un non-saudita. Le hanno ripetuto, tra le altre cose, che avrebbe avuto problemi coniugali sposando uno straniero, e che i suoi figli non sarebbero stati sauditi. Poi le è stato chiesto di firmare una liberatoria che diceva che le erano stati resi noti i pericoli dello sposare uno straniero, e che il suo fidanzato non intendeva fare domanda per avere la cittadinanza saudita. Gente simpatica, no?

Dopo pochissime settimane, dopo parecchie visite per seguire l’andamento della domanda, mi è stato detto il file era stato trasferito all’ufficio del Governatorato di Jeddah. Oh, che gioia! Avevo sentito che ciò significava che mi stavo avvicinando alla fine del procedimento. Significava anche che non avrei più dovuto dimagrire a forza di sudare durante le mie visite alla bHth. Il Governatorato di Jeddah ha un sistema del ventunesimo secolo per il controllo dello stato del file via sms. Tuttavia, prima di ottenere ciò, è ancora richiesta una visita di persona per avere il nuovo numero di file.

Bisogna prendere con umorismo il fatto che, ogniqualvolta il file viene spostato da un dipartimento governativo ad un altro, questo processo genera due nuovi numeri di file da seguire. Il primo è il numero di transito che viene rilasciato dal dipartimento che viene lasciato; bisogna usare questo numero per seguire la pratica nel dipartimento ricevente, non prima di quattro giorni lavorativi più tardi, per ricevere il nuovo numero di file per il dipartimento ricevente. Alla fine di tutto, ci vuole un faldone solo per tenere al sicuro i numerosi numeri di file e le ricevute.

Procedendo, la bella cosa riguardo al governatorato, come ho detto, era la possibilità di verificare nel dettaglio l’attività del tuo file tramite un breve codice via sms. Il primo aggiornamento che ho avuto diceva che il file era in fase di revisione. Passavano i giorni e la situazione non cambiava. Gli uffici hanno chiuso per le vacanze di Eid e hanno riaperto e ancora nessun aggiornamento. Mio suocero ha deciso di recarsi presso l’ufficio del governatorato per seguire la cosa, ma solo perchè gli venisse detto quello status [“revisione”] significava che dovevamo recarci da loro per un colloquio di follow-up. Il colloquio avrebbe avuto luogo con il futuro sposo, il padre della futura sposa e due
testimoni maschi.

Il dipartimento che conduce questo colloquio al governatorato è aperto solo un’ora, dalle 10 alle 11 del mattino. Perciò abbiamo dovuto assicurarci di essere là presto per essere in pole position. Quando è venuto il nostro turno, i testimoni hanno dovuto firmare in via preliminare che tutte le informazioni provenienti dallo sposo e dal suo futuro suocero erano precise. Poi il funzionario ha fatto una serie di domande standard per il suocero: nome della sposa, luogo di nascita, istruzione ecc. Poi mi sono state fatte le stesse domande, con l’aggiunta di alcune altre tipo il mio stipendio e la relazione con la ragazza. Poi mi ha fatto una bella domanda. “Perchè vuoi sposare una saudita?”.
Ha letto la domanda ad alta voce con un’espressione imperturbabile. Ero totalmente confuso. Non sapevo se avesse uno spiccato senso dell’umorismo, o se davvero ci si aspettava che io rispondessi a questa domanda. L’ho guardato con aria interrogativa. Ha ripetuto la domanda con sguardo assente. A quel punto ero talmente sorpreso da questa domanda apparentemente stupida che tutto ciò che ho potuto borbottare è stato “perchè questo è il mio destino”. La risposta ha provocato una risata silenziosa da parte di mio suocero.

Comunque, quando è finita, ci è stato chiesto di seguire la pratica, ma senza una tempistica. Mandavo svariati sms durante il giorno per controllare gli aggiornamenti. Il file ha viaggiato di dipartimento in dipartimento e poi verso il Governatorato Regionale (Emara Makkah). Era un buon segno, secondo quanto avevo sentito. Là c’era la gente che avrebbe messo il timbro finale di approvazione, mi hanno detto i miei sostenitori.

All’ emara hanno il loro sistema di controllo via web. Così, dopo aver avuto il nuovo numero di transito seguito dal nuovo numero di file, perplesso ho seguito quanto spesso il mio file saltellava da un dipartimento ad un altro. E’ trascorso novembre 2010, e il file è stato rimandato all’mHaftha di Jeddah. Ho pensato fosse una bella notizia, dal momento che il file era stato fatto avanzare molto più velocemente di quando si trovava alla bHth. Ho deciso di recarmi presso l’mHaftha alcuni giorni dopo, solo per sentirmi dire che era stato trasferito al dipartimento di polizia. A questo punto ero totalmente confuso. In effetti, ero molto preoccupato. Non perchè pensavo che avessero trovato prove per incriminarmi riguardo alla lattina di Pepsi che avevo rubato in un negozio quando avevo sei anni (sì, denunciatemi), ma perchè, in base a quanto avevo sentito, il file avrebbe dovuto essere inviato al tribunale per i matrimoni se tutto fosse andato bene.

Sono andato al dipartimento di polizia solo per sentirmi dire che era stato reinviato alla bHth aljenaye! Ero ancora più basito. Mi sono detto che forse mancava un documento e volevano solo questo. O forse, che il file sarebbe stato trasferito al tribunale dalla bHth.

Alcuni giorni dopo, mio suocero è andato alla bHth e mi ha chiamato da là per darmi la funesta notizia che ha mandato in frantumi i miei sogni e mi ha scosso nell’intimo: la mia domanda di sposare la mia fidanzata saudita, nonostante rispondesse a tutti i requisiti documentali, e dopo un noioso girare attorno di oltre due anni, era stata rifiutata e il file era stato chiuso in via definitiva.

Continua….

SECONDA PARTE

La notizia ci ha prostrato. I sogni e le speranze sono crollati di colpo. La mia fidanzata piangeva inconsolabile e altri membri delle nostre famiglie erano anche loro prossimi a crollare. Eravamo tutti arrabbiati, frustrati e con il cuore spezzato. Due anni e mezzo a correre di qua e di là, solo per sentirci dire che la domanda era stata rifiutata. Così tanto per il Regno dell’Umanità. Ciò che faceva ancora più infuriare era la ragione del rifiuto: la futura sposa saudita non soddisfaceva al requisito dell’età.

Invito i lettori a capire l’intensità della nostra rabbia alla luce dei seguenti fatti:

1)La bHth al Jinayi è responsabile di verificare che coloro che presentano domanda soddisfino a tutti i requisiti prima che il file sia inoltrato all’emara. In caso contrario, a coloro che hanno presentato domanda viene detto o di soddisfare ai requisiti o di non prendersi la briga di continuare nella procedura. Perciò il fatto che loro procedessero con le richieste di documentazione era prova sufficientemente chiara del fatto che soddisfacevamo a tutti i requisiti e rimanevano solo le formalità legate all’approvazione.

2)In secondo luogo, e cosa più importante, l’emara agisce nell’ambito del Ministero dell’Interno. Date un’occhiata al loro sito (www.moi.gov.sa) e cercate la sezione che indica i requisiti per le donne saudite che sposino stranieri nati in Arabia Saudita. Il sito web chiaramente afferma che in questa eventualità la donna saudita deve avere 21 anni o più. La mia fidanzata aveva 23 anni (24 secondo il calendario islamico). Immaginatevi!

Quando mio suocero ha tentato di discutere sull’ultimo punto con una stampa fatta dal sito del ministero indicante i requisiti per l’età, è stato bruscamente congedato dal funzionario che ha borbottato qualcosa tipo che quelle regole non hanno importanza, e ciò che conta è come il funzionario dell’emara pensa di trattare la domanda della coppia.

Ho iniziato a cercare freneticamente soluzioni alternative al problema. La gente che mi stava attorno ci consigliava di sposarci all’estero, o segretamente, o di trasferirci e lasciare il paese, ma nessuna di queste soluzioni era pratica o sicura. La sola via d’uscita che potevo prefigurarmi a quel punto era trovare qualcuno di affidabile che potesse corrompere qualcuno più in alto per ottenere l’approvazione per il nostro matrimonio.

Ho chiesto in giro, e il prezzo richiesto partiva da 40.000 SR (10.665 dollari USA). Oltre al fatto che questo mi avrebbe svuotato le tasche, ho anche sentito che in città c’erano tanti imbroglioni che promettevano soluzioni e poi non si facevano più trovare dopo aver intascato metà della somma in anticipo.

Poi mi sono ricordato che mio padre aveva detto di essere coinvolto in un progetto per l’ingrandimento di un palazzo di una principessa. Mio padre e il suo capo italiano avevano incontrato la principessa qualche volta per i lavori che lei voleva venissero fatti. Ho chiesto a mio padre se potesse ottenere che lei ci aiutasse. Non ero sicuro né che lei lo avrebbe fatto né che avrebbe potuto, ma valeva la pena tentare.

Mio padre ha preso un appuntamento con il suo staff personale e si è recato al suo palazzo per spiegare la situazione. E’ saltato fuori che lei era una delle sorelle del principe Naif bin Abdul Aziz, Ministro dell’Interno e principe ereditario da lunga data. Fortunatamente per noi, lei ha capito la nostra difficile situazione ed ha accettato di aiutarci.

Alcuni giorni dopo mio padre è tornato al palazzo e il segretario della principessa ha scritto una lettera personale indirizzata all’emara chiedendo di velocizzare il mio caso e far avanzare la pratica senza ulteriori ostacoli. La lettera era scritta sulla carta intestata della principessa, firmata personalmente da lei e accompagnata dal suo sigillo.

Quando mio padre ha portato a casa la lettera, io ero pazzo di gioia – adesso non oseranno causare nessun problema, ho esclamato! Da secoli sentivo parlare del potere del wasta, e quale wasta era più forte di quello della sorella del Ministro dell’Interno? Certo sarà questione di giorni, mi immaginavo, perchè io abbia in mano il permesso. Quella sera ho consegnato la lettera a mio suocero e gli ho chiesto di tornare dall’emara e chiedere di nuovo, questa volta armato della lettera reale.

Certo c’è stato un comportamento diverso da parte dei funzionari la mattina successiva, quando hanno visto la lettera e l’hanno accettata insieme con le copie dei nostri documenti di identità. Hanno chiesto a mio suocero di tornare a controllare di lì a qualche giorno. Le cose parevano fino a quel momento andare bene.

La mattina seguente, mio suocero ha ricevuto una telefonata da un alto funzionario dell’emara, che dava una notizia clamorosa. Non si sa come, la lettera era stata danneggiata e non poteva essere utilizzata per il nostro dossier! Non ha spiegato chiaramente come fosse successo, ma ha detto a mio suocero di andare a prendere la lettera danneggiata e di sostituirla con una nuova proveniente dall’ufficio della principessa. Il funzionario diceva di aver già contattato l’ufficio della principessa e spiegato la situazione, e che non c’erano problemi.

“Bugia!”, ho esclamato. Tutti abbiamo denunciato quello che pensavamo fosse un deliberato tentativo di non consentire alla nostra domanda di procedere tramite il wasta. Tuttavia, mio suocero, da quell’uomo paziente qual è, è tornato all’emara per prendere la lettera, solo per scoprire che non si sa come del the era stato rovesciato su metà pagina, rendendola totalmente illeggibile.

Ad ogni modo, ottenere che la principessa firmasse un’altra lettera non sarebbe stata cosa facile, ha affermato mio padre. Era conosciuta per il suo temperamento iracondo – uno dei colleghi di mio padre era stato gettato nella vasca settica del palazzo perchè la principessa lo aveva sentito sparlare un po’ di lei alle sue spalle. Mio padre ha deciso di tornare coraggiosamente a trovarla nonostante tutto, e certo lei era molto irritata contro i funzionari dell’emara e ha domandato la testa dell’impiegato che aveva osato maltrattare la sua lettera. Dopo tanta ira, comunque ha chiesto al suo segretario di preparare un’altra lettera ed è stata così gentile da firmarla.

Si è ripetuta la sequenza; mio suocero è andato all’emara, ha consegnato la domanda e gli è stato chiesto di tornare di lì a qualche giorno. Sono passati i giorni e quando è tornato ha scoperto che il file era stato nuovamente trasferito alla bHth al jinaye. Abbiamo convenuto che questo non andava bene. Se il wasta avesse funzionato, ci eravamo immaginati che il file avrebbe dovuto essere trasferito al tribunale per quell’epoca. Non era stato trasferito lì, evidentemente, e stavamo per scoprire che avrei dovuto nuovamente ripercorrere la stessa strada.

Copie dei documenti di identità, copia autenticata del certificato di nascita, certificato della polizia, certificato medico e tutto si è dovuto ripetere. Quando ho chiesto al funzionario se la lettera della principessa facesse una qualche differenza, mi ha sussurrato che non fa nessuna differenza a meno che la domanda non provenga da un ministro. Alla faccia dei wasta, ho pensato. La cosa peggiore è stata che tutte queste dichiarazioni e copie autenticate che avevo avuto dalla prima domanda sono state ignorate. Non solo non hanno riutilizzato i documenti che accompagnavano la vecchia domanda, ma mi hanno fatto rifare la stessa trafila perchè i certificati sono validi solo per sei mesi
dalla data del rilascio.

Questa volta l’esperienza mi aveva scaltrito, e sapevo esattamente dove andare e cosa fare. Infatti, ho addirittura detto al funzionario della bHth al jinaye che conoscevo i requisiti, di risparmiarmi il disagio e che mi consegnassero i documenti richiesti in un’unica volta, invece di tenerli fermi come la prima volta. Allora mi è stato detto a chiare lettere che è la loro politica fornire i documenti uno alla volta, allo scopo di allungare la procedura il più possibile. Eccola qua, signore e signori, un’ammissione direttamente dalla bocca del cavallo [=di prima mano].

Altri tre mesi e il file era completo e veniva inviato alla mHaftha di Jeddah, esattamente come la prima volta, e ho avuto un altro colloquio. Le stesse domande, ma stavolta ho risposto in modo diverso all’ultima; “Perchè vuoi sposare una saudita?”. Ho risposto: “E’ la ragazza per me, siamo imparentati, e caso vuole che lei sia saudita”.

Dopo aver seguito la posizione della domanda per più di una settimana, il file è stato trasferito al tribunale generale. Attenzione, questo non era il tribunale che tratta i matrimoni. Perciò non siamo ancora alla fine della storia. Questo tribunale doveva stabilire il fatto che io e la mia fidanzata eravamo imparentati. La procedura richiedeva la presenza mia e della mia fidanzata, di due testimoni maschi affidabili e di due ulteriori testimoni per accertare l’affidabilità dei primi due testimoni.

Dopo un’attesa di due ore oltre l’orario fissato, è apparso il giudice e ha chiesto al suo segretario di completare il documento attestante la nostra parentela. La procedura è durata non più di dieci minuti e quattro firmatari.

Il certificato autenticato è stato poi allegato al nostro file e rimandato all’emara. La domanda è rimbalzata tra tre diversi dipartimenti all’interno dell’emara, come ho potuto accertarmi tramite la ricerca online, fino a quando è stata trasferita al Ministero dell’Interno. Ho continuato a seguire la cosa recandomi alla loro sede di Jeddah, solo per scoprire che il file era stato trasferito a Riyadh, e ci avrebbe messo almeno un mese a tornare.

Questo mi ha spiazzato perchè avevo sentito voce unanime dalle persone che le domande per il permesso di matrimonio non vanno più a Riyadh e vengono gestite dagli uffici regionali dell’emara. Tuttavia, sono stata corretto del funzionario del Ministero dell’Interno a Jeddah: nel caso in cui il non-saudita sia il maschio che presenta domanda, è regolare procedura che il file venga inviato a Riyadh. Evidentemente in questi casi si richiede l’approvazione del matrimonio da parte di due organi, l’emara regionale e la sede centrale del Ministero dell’Interno.

Controllavo la posizione del file al Ministero dell’Interno attraverso il loro sito web e mi sono sentito sollevato quando, dopo tre settimane, il file è stato trasferito a Jeddah. Francamente non ero tranquillo a proposito di questo movimento tra città del file; avevo sentito fin troppe storie dell’orrore di file “persi” durante gli spostamenti.

Poi il file ha fatto dei giri dentro all’emara per circa una settimana, finchè una mattina mi sono collegato al sito dell’emara per controllare la posizione della domanda e guarda un po’! Il file era stato trasferito al Tribunale delle Garanzie e dei Matrimoni! Sono rimasto seduto in stato di choc e meraviglia mentre si faceva spazio la realizzazione dei miei sogni. Questo era il momento per il quale avevo combattuto. Questa era la schermata che avevo sperato di vedere un giorno dopo l’altro. Questo era il momento, a una settimana dallo scadere di tre anni di trafile burocratiche. Euforico al massimo, ho dato la notizia ai miei genitori, a mio suocero e alla mia futura moglie. Lei
a stento si tratteneva ed è quasi caduta in stato di choc. Era tutto surreale, come minimo.

In preda all’adrenalina, come uno sciocco mi sono recato quella stessa mattina al tribunale, solo per sentirmi ricordare che il file ci mette almeno 4 o 5 giorni per arrivare dall’emara. Ma chi mi potrebbe biasimare per averci provato, giusto?

Dopo alcuni giorni senza requie, sono tornato al tribunale e sono stato indirizzato ad un colloquio con un funzionario dalla lunga barba, che era a capo dei permessi di matrimonio. Lui ha controllato i suoi file e ha trovato il mio, ma ha messo un altro bastone fra le ruote. Voleva copie dei nostri documenti di identità e l’originale del certificato medico fornitoci dall’ospedale. L’ho implorato di usare le copie allegate al file ma non ne aveva nessuna.

A quel punto non si poteva fare molto perchè dovevamo andare fuori città per il matrimonio di un cugino. Al mio ritorno il fine settimana seguente sono andato dal funzionario al tribunale con tutta la documentazione richiesta, solo per scoprire che il tribunale era senza corrente elettrica dal giorno prima, senza nessuna soluzione in vista. Ho strabuzzato gli occhi di fronte alla situazione patetica e mi sono limitato a girovagare per il tribunale, sperando e pregando che intervenissero i poteri divini.

Mentre aspettavo, ho visto il funzionario e gli chiesto del mio file. Mi ha ignorato perchè se ne stava andando dal tribunale, dicendo che non poteva fare nulla senza la corrente. Gli ho ricordato che i file non erano elettronici e lui non aveva nemmeno un computer nel suo ufficio. Allora lui mi ha risposto con una frase emblematica dell’atteggiamento di moltissimi funzionari governativi nel Regno. “Non posso lavorare senza l’elettricità”.

Magnifico, ho pensato. Sono rimasto ancora nei paraggi, pregando più intensamente perchè tornasse l’energia elettrica. Ad un certo punto ho perfino ipotizzato di comprare un generatore per il tribunale, se a questo dovevo arrivare per prenotare finalmente un appuntamento con il giudice.

Dopo due ore, è tornata parzialmente la corrente. Ho seguito il funzionario nel suo ufficio e ho presentato la documentazione restante. Poi lui ha annotato il numero di approvazione su un pezzo di carta e mi ha chiesto di recarmi alla sezione per le prenotazioni per prenotare un appuntamento.

Non appena il computer ha ricominciato a funzionare, ho chiesto al funzionario che stava al computer di darmi un appuntamento alcuni giorni più tardi, perchè voleva darmene uno per il giorno seguente. Mio suocero non era ancora tornato dal viaggio per il matrimonio di mio cugino, e il matrimonio non sarebbe stato possibile senza la sua presenza. Il funzionario ha rifiutato e mi ha congedato, suggerendomi di riprovare la settimana seguente.

Ormai mi ero abituato a questo genere di comportamento ed ero diventato capace di agire in queste situazioni. Sono andato con decisione nell’ufficio del Capo del Tribunale e ho chiesto udienza. Il segretario mi ha detto andare nel suo ufficio. Ho brevemente spiegato il mio enigma al Capo del Tribunale. Lui ha suggerito scherzosamente di tentare di avere un appuntamento per l’anno dopo, ma quando si è accorto che non apprezzavo il suo senso dell’umorismo ha rapidamente telefonato al funzionario responsabile degli appuntamenti perchè facesse un’eccezione nel mio caso e mi
desse la data che avevo chiesto. E’ stata prodotta una ricevuta ufficiale indicante che le formalità di matrimonio sarebbero state disbrigate alle 8.45 del sabato mattina seguente.

Devono essere stati i quattro giorni più lenti di tutta la mia vita. Sabato non arrivava mai. Trascorrevo notti insonni con eccitazione crescente fino al mattino. A corto di sonno, sono arrivato alle 8.15, indossando un thobe nuovo di trinca, fingendo di essere tutto saudita e nient’altro. La mia fidanzata è arrivata poco dopo con i suoi genitori. E giusto per non essere a corto di nessuno dei due testimoni richiesti, sono arrivati un totale di cinque testimoni di rinforzo. Dopo il viaggio che avevamo fatto per giungere fin lì, nessuno voleva lasciare niente al caso.

Dopo un’ora e mezza, è arrivato il giudice e noi siamo stati convocati per primi. Il giudice ha chiesto a me e a mio suocero di sederci di fronte, e mia moglie sul sofà alla sua destra. Ovviamente ormai i miei lettori sanno che nella mia storia niente procede senza intoppi. Perciò, nello spirito degli ostacoli che avevo già fronteggiato nel corso degli ultimi tre anni, il giudice ha scorso i documenti e si è reso conto che mancava un documento. Il certificato medico non era allegato al file. Il giudice ha chiamato un funzionario e gli ha chiesto di cercare le carte mancanti. Nel frattempo è stato così efficiente da chiederci di metterci in disparte mentre lui terminava la cerimonia per la seconda coppia nella fila.

Suppongo che questo mi andasse bene, perchè guardare la cerimonia stando di lato in qualche modo mi ha calmato i nervi. Fortunatamente, i documenti mancanti sono stati portati poco dopo, e siamo stati chiamati per riprendere le nostre posizioni. La cerimonia in sé è stata molto breve; ci sono voluti meno di due minuti per portarla a termine. Ha letto dei passaggi, chiedendo a mio suocero di ripetere dopo di lui, poi ha detto a me di ripetere dopo di lui e poi ha proceduto a firmare il registro. Tutto qua! Una procedura di due minuti che ha richiesto tre anni! E’ come fare di una mosca un elefante.

Ho raccolto il contratto di matrimonio che si presentava come un opuscolo, contenente i nostri nomi e quelli dei testimoni e di mio suocero, oltre all’ammontare della dote. Dopo che è stato timbrato dal Capo del Tribunale, siamo usciti ufficialmente come marito e moglie. Poi sono iniziati i festeggiamenti e la cerimonia nuziale e il banchetto si sono susseguiti, un sacco di cose da fare e non abbastanza tempo. Ma cos’è la vita senza un po’ di stress? Spero che la mia storia sia in grado di chiarire i dettagli più specifici della procedura per l’ottenimento del permesso per sposare una donna non-saudita, come gestire lo stress e cosa aspettarsi. A beneficio di coloro che fanno domanda da Jeddah, accludo links per Google maps di dove si trova ogni dipartimento. Spero che serva. Controllerò anche di tanto in tanto per cercare di rispondere a qualsiasi domanda che i lettori possano avere. Auguro ogni bene a coloro che fanno domanda per il permesso. Ricordatevi, mai mollare!

Save

Advertisements

Published by

Tara Umm Omar

American married to a Saudi.

29 thoughts on “Marriage Permission? Not In A Million Years…Or Maybe Three Years! (Italian Translation)”

  1. wow! that was amazing and very informative! thaks alot! you are lucky you had such understanding father-in-law.
    I am a Saudi girl and my fiance in a non-saudi born in jeddah on Student iqama. we were engaged December of last year and he is still struggeling to find a job to be able to apply for the marriage permission.
    my parents said they will only wait for one year which will end this september for him to make progress or else they will break our engagement. i really hope they change their minds bcoz even if he found a job he will not be able to transfer his iqama before 3 months.

    Congratulations! and thanks again 🙂

    Like

  2. Thank you Maya.

    Seems like legally, your fiance is in the same predicament as I was when it comes to being on a student Iqama. The unfortunate news is; it seems that there is no way around this. I hooked up one of my cousins, who is also a non-Saudi male born in Saudi to a Saudi cousin of one my closest friends. They got engaged with the blessing of their parents. At that time we figured that since both of them were nearing their fourties, the Saudi government would be express in trying to finalize the permission of the ‘spinster’ .

    However, that could be further from the truth. Like Tara commented, the government isn’t really interested in that. It’s been 2 years and their permission process is on hold because he hasn’t been able to transfer his Iqama to a company yet.

    On the other hand, once the transfer is complete, I hear the process of obtaining permission is quicker now. Infact, a month after I got mine, there was an update to the process that stated that interested mixed couples to apply 3 months ahead of their intended marriage date. Which suggests the process can be finished in 3 months.

    I really hope that for the sake of your future, your parents don’t give up so easy. Obviously, the guy was good and hence they accepted in the first place. It’s neither your nor his fault that you guys are stuck in this predicament. All I can say is ask them to have patience and don’t let the government win on this front.

    Like

  3. I’m talking to a Saudi sister and we want to marry. Here father will allow it only if the Saudi government gives us permission. Can you please tell me the process and what exactly am I supposed to do? Thank you

    Like

    1. Add has given the steps in the above post…just follow what he has written. First step though, the Saudi woman and her father have to initiate the process.

      Like

  4. Wow man, happy to see u getting married. i couldnt take off my mind for the whole time i read ur story. You must have been the happiest man on earth after that.

    Like

  5. hello Add,

    asalam alaikkum.
    hope you and your family are doing well in sha allah. I would like to know few things from your side if you can help me. I would like to to know the legal marriage age for saudi girl who wants to marry a non saudi man. I know that if its her first marriage she should be 25. what if the case is that she is divorced and is less than 21. it would be nice if you can help me.

    my email address is hmenon20@gmail.com

    Like

  6. this is very informative can u please tell me if their is any changes in the law in 2014 or its complicated as when u get married
    can u please give your email waiting for ur replay

    Like

    1. There have been few changes for a Saudi woman who marries a non-Saudi man. Supposedly it is easier. If she marries any man from one of the six GCC countries, the marriage permission requirement is waived.

      Like

  7. Hi Tara, I desperately need some advice …is there any way I could send you a private message through email? I am a non-Saudi dating a Saudi man under 35 yrs old who is currently studying in the USA. I am arab but not muslim. I have several questions such as… If he is on scholarship is he prohibited from getting married ? Or can he seek permission and at what point? What are the various implications if he does marry without permission or before the appropriate time? etc …I am at witts end…as there are such few sources on trying to get information on this topic. My email is : . lissa14.jm@gmail.com is my address. Hope to hear from you. -Liss

    Like

  8. assalam alaikum,

    I (Indian resident) appreciate your efforts to help the society to make their dreams come true. There are few examples that society may misuse the freedom given to them and is subjective.
    I refer to my brother in law (Indian couple) lives in jeddah on work visa with family. He is about to get marry with saudi woman despite of having two children s from his wife .I want to know is it legal to do so.
    My intention to really help my sister in her hard times and need your support.

    Like

    1. Wa alaikum as-salam, thanks for visiting FHWS! In Islam, it is legal for a Muslim man to have four wives. I have seen that it can be done for a non-Saudi man already married to a non-Saudi woman with children to get married to a Saudi woman. I have also seen that it can be done for a non-Saudi man already married to a non-Saudi woman with children to get married to a non-Saudi woman. Nonetheless, I think you should inquire with the emarah to verify for your sister.

      Like

  9. assalam-va-alaikum,
    Thanks for the advice.How to contact emarah and get the information about person, since no tracking information is available with us.Any online info request can be raised if he already got married secretly? local police can help to know?.

    Like

    1. Wa alaikum as-salam, you have to find out where the emarah is and go there in person. The police can’t help you. If he got married secretly, what can you do about it?

      Like

  10. Hi Tara does a foreign man need to currently reside in KSA to get the permission to marry a saudi girl? or he can marry also if at the moment doesn’t live in KSA.

    Like

    1. Hi,

      No he doesn’t need to live in KSA. The Saudi woman that wants to marry a non-Saudi must apply in person for the marriage permission with her mahram at the emarah whether the non-Saudi lives in KSA or not.

      Like

  11. thanks … so the husband doesnt need to come to ksa at all, even for nikkah. Do u know if there are any documents needed from the non saudi husband when the wife apples for the permission?

    Like

    1. You’re welcome. When you receieve the permission, you can get married anywhere you choose per the marriage laws of that country.

      Check on the Saudi marriage permission page.

      Like

A penny for your thoughts...

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s