Arab Ex-Wife Of A Saudi Needs Iqamah Transfer (Italian Translation)

photocreditjeddahpointDivorced Arab Woman Seeks Urgent Iqama Transfer
Arab News |Jeddah
10 July 2013

An Arab woman with two children from her former Saudi husband is in a quandary because her former spouse refused to renew her residence permit after he divorced her a few years ago.

Umm Raed said her former husband also refused to comply with a court order to pay maintenance for their children aged 11 and 12. She has custody of the children, who are Saudi citizens.

She said she sued for divorce when her life became unbearable because of her husband’s daily physical and mental abuse.

A Shariah court had ruled six years ago that her former spouse should pay a total of SR 1,100 a month for the children’s upkeep, which includes their clothes and medical care. She said her former husband had not renewed her iqama for nine years. She also had to get a new passport from her country’s embassy because he had refused to hand over her original passport. She tried unsuccessfully to transfer her sponsorship a year ago.

A spokesman for the Passport Department said the woman could get assistance if she gets a favorable order from the governor’s office. He said she could also get a sponsorship transfer because her children are Saudi citizens.

Photo Credit: Jeddah Point

taraummomarsignature4

_____BEGIN ITALIAN TRANSLATION_____

Donna Araba Divorziata Cerca Un Urgente Trasferimento Di Iqama
Arab News – Jeddah
10 Luglio 2013
Traduzione Italiana di A.P.

Una donna araba con due figli dall’ex marito saudita si trova in un dilemma perchè l’ex coniuge ha rifiutato di rinnovare il suo permesso di residenza dopo aver divorziato da lei alcuni anni fa.

Umm Raed ha detto che il suo ex marito ha anche rifiutato di obbedire ad un’ingiunzione del tribunale di pagare per il mantenimento dei loro figli di 11 e 12 anni. Lei ha la custodia dei figli, che sono cittadini sauditi.

Ha raccontato di aver presentato istanza di divorzio quando la sua vita è diventata insopportabile a causa degli abusi fisici e mentali che subiva quotidianamente dal marito.

Un tribunale della Shariah aveva stabilito sei anni fa che l’ex coniuge doveva pagare un totale di 1.100 rial al mese per il mantenimento dei figli, e in questa somma erano inclusi l’abbigliamento e le cure mediche. Ha detto che l’ex marito non le rinnovava l’iqama da nove anni. Aveva anche dovuto ottenere un nuovo passaporto dall’ambasciata del suo paese perchè lui aveva rifiutato di consegnare il suo passaporto. Ha tentato senza successo di trasferire la propria sponsorizzazione un anno fa.

Un portavoce del Dipartimento per i Passaporti ha detto che la donna potrebbe ricevere assistenza se ottenesse un ordine in suo favore dall’ufficio del governatore. Ha detto che potrebbe anche ottenere un trasferimento della sponsorizzazione perchè i suoi figli sono cittadini sauditi.

Passport Office Still Charging Iqamah Fees For Children Of Saudi Mothers And Non-Saudi Fathers (Italian Translation)

justiceforchildrenJustice For Children Of Saudi Women
By Abdo Khal
Okaz, Local Viewpoint

There have been a number of government decisions that have remained dormant for a long time without being implemented. These decisions have been in deep slumber in the drawers of the concerned government departments. They will not wake up no matter how much noise we make about them.

The most prominent of these is the decision concerning the children of Saudi women married to foreigners.

All the decisions in this regard have made it clear that these children should be treated as Saudi citizens. In reality they are not. The decisions remained just ink on paper. The situation continues as it is without any change.

A number of official statements were made on the issue of equal treatment but the real facts of life nullify all these statements. An example for this is the treatment of children of Saudi mothers and foreign fathers at the Passport Department. The Ministry of Labor has given the Saudi mothers the right to sponsor her own children. A government decision said these children should be exempted from paying fees for the iqama issuance or transfer.

However, the Passport Department did not implement the decision and is still charging fees. The fees are too high to bear for some mothers, especially the unemployed ones. Therefore, it is imperative that the decision exempting the children of Saudi mothers and foreign fathers from iqama fees should be implemented without delay.

The Passport Department should also stop writing on the iqamas of these children the statement that they are “working as sons and daughters with their mother”. This phrase should never be used by a government department that should look instead for a more humane alternative. Why not simply write on the iqamas of these children that “they are sons and daughters of a Saudi mother” instead of working for their mother?

The same thing applies to foreign women married to Saudis. Instead of writing on her iqama that she is working for her husband, just mention that she is the wife of a Saudi.

The issue of naturalization is an old one, which is being dealt with very slowly. Many families have been suffering from this problem. Their sons and daughters were born in the Kingdom and did not know any other home but still they are not considered Saudi citizens. This problem should be resolved immediately instead of protracting it for long years without any real solution.

_____BEGIN ITALIAN TRANSLATION_____

Giustizia Per I Figli Di Donne Saudite
Di Abdo Khal
Okaz, Local Viewpoint
Traduzione Italiana di A.P.

C’è un certo numero di decisioni del governo che sono rimaste dormienti per lungo tempo senza essere implementate. Queste decisioni giacciono in un sonno profondo nei cassetti dei dipartimenti governativi interessati. Non si sveglieranno, per quanto forte sia il rumore che facciamo attorno a loro.

La più importante di queste decisioni è la decisione che riguarda i figli di donne saudite sposate con stranieri.

Tutte le decisioni a questo riguardo hanno specificato che questi figli dovrebbero essere trattati come cittadini sauditi. In realtà non avviene così. La decisione è rimasta lettera morta. La situazione rimane la stessa senza nessun cambiamento.

Ci sono state delle dichiarazioni ufficiali sulla questione dell’uguale trattamento, ma la realtà della vita invalida queste dichiarazioni. Un esempio in questo senso è il trattamento dei figli di madri saudite e padri stranieri presso il Dipartimento per i Passaporti. Il Ministero del Lavoro ha dato alle madri saudite il diritto di sponsorizzare i propri figli. Una decisione governativa ha stabilito che questi figli dovrebbero essere esonerati dal pagamento delle tasse sulla concessione o il trasferimento dell’iqama.

Tuttavia, il Dipartimento per i Passaporti non ha implementato la decisione e ancora fa pagare le tasse. Per alcune madri, specialmente quelle disoccupate, le tasse sono troppo alte. Di conseguenza, è tassativo implementare senza dilazioni la decisione che esonera i figli di madri saudite e padri stranieri dal pagamento delle tasse sull’iqama.

Il Dipartimento per i Passaporti dovrebbe anche smettere di scrivere sugli iqama di questi figli la frase che essi “stanno lavorando con la loro madre in qualità di figli e figlie”. Questa frase non dovrebbe mai essere usata da un dipartimento governativo che, invece, dovrebbe cercare un’alternativa più umana. Perchè non scrivere sull’iqama di questi figli semplicemente che “sono figli e figlie di madre saudita” al posto di scrivere che lavorano per la madre?

Lo stesso vale per le donne straniere sposate con sauditi. Invece di scrivere sul loro iqama che lavorano per il marito, si potrebbe scrivere che sono mogli di un saudita.

La questione della naturalizzazione è vecchia, e la si sta affrontando con grande lentezza. Molte famiglie soffrono a causa di questo problema. I loro figli e le loro figlie sono nati nel Regno e non conoscono altra casa, ma non sono considerati cittadini sauditi. Questo problema dovrebbe essere risolto immediatamente invece di protrarlo per lunghi anni senza nessuna soluzione reale.

taraummomarsignature1

Non-Saudi Widow Of A Saudi Searching For A Sponsor To Remain In Saudi Arabia (Italian Translation)

photocreditsaudigazetteThe FHWS newsletter for 25 April – 26 May 2013 has been sent out. Details for subscribing to the newsletter are located here. Italian translation by A.P. added to Saudi Arabia Abduction Cases: Ginger Mayes And Zarminah Al-Rabiah. Tara Umm Omar

The Other Side Of The Curtain
By Tariq A. Al-Maeena
Saudi Gazette
15 May 2013

There is a fever in the air, generated by the recent crackdown by the passport department and officials from the Ministry of Labor on the status of illegal residents or those expatriates with residency violations. Custodian of Two Holy Mosques King Abdullah in his benevolence has allowed a grace period of three months for those with suspect papers to get them corrected.

While new rules have been announced to ease the burden on hundreds of thousands of residency violators, there seems to be a group that feels ignored and left on the sidelines without much hope of retribution. In the case of one expatriate who finds herself in such a situation, it demands sympathy for the predicament she finds herself in. But I shall leave my readers to judge that for themselves.

Her story goes as follows: “Good Morning, Mr. Tariq. I do not usually write letters to newspapers but in this instance I found that I had to ask this question to be addressed. I met and married my Saudi husband in 1988 and left my country and family to come to Saudi Arabia to live. My husband passed away in 2002, may God have mercy on his soul. I have one daughter from my husband who is now 13.

“After he died I could not renew my iqama for 5 years due to sensitive issues I was experiencing with my in-laws. They were not very cooperative or sincere to me or to my daughter. I finally had to write the governor of Riyadh for permission to transfer my iqama to an old family friend, which he granted. Our old family friend passed away approximately three months ago due to age and ailing health, Allah bless his soul.

“So now I am in the same boat so to speak. I have to search and look for someone to sponsor me again and transfer my sponsorship to them which is not easy in this present climate of Saudization. I completely understand and support the drive for Saudization. However, I wish that the government would address and look at the situation of women that have come here for marriage and not for economic gain.

“For after a person, and it could be any person, spends a certain amount of time in any place, they inherit their friends, their place in society, and their sense of well being and security. I believe there is an Arabic saying that says that if you spend 40 days with some people you become like them. Well, I have spent almost 25 years of my life here and would like to feel a bit more secure about my situation than someone who has just come to this country for work.

“Today I find myself in a very vulnerable position as a mother of a 13-year-old girl and a widow expatriate without a sponsor. I am not sure how the laws will apply in this particular case but what if I fail to find a sponsor before the grace period runs out; someone kind enough to understand my dire straits and do the honorable thing of granting myself and my daughter unconditional sponsorship without unreasonable demands?

“It is not easy to find such sponsors. Especially under the current climate where many are afraid to lend their names to any expatriate. It would have to be one of my husband’s relatives or associates, but as I had said earlier, it certainly would not be anyone from his family. They were against the marriage from the start, and went out of their way to try to break our marriage. It was only my husband’s devotion to me and our little girl that prevented them from succeeding. Now they blame me for his early death, not realizing the empty hole of my existence each waking moment.

“But I have to put my misery to the side and seek a solution. I fear the outcome if I cannot succeed. Would that mean that the country I spent many years in with my Saudi husband and raised my little girl would no longer be home and that I would be forced out? Is that fair and just? We have broken no laws. We were simply deserted. I am sure there are other women in similar situations like mine, but there isn’t much clarity in the news about how our situation can be alleviated without separation from the land we have come to call home.

“My hope in writing this letter to you is that perhaps you can take your eloquent pen and write an article that might address this situation. Thank you for your taking your time to read my letter. Sincerely, C.”

That was indeed a difficult letter to put down. The loss from the death of a spouse is hard enough to bear but the double whammy of not being secure of one’s residency is a staggering load of concern. I wish I could address her uncertainties with complete reassurance, but the truth of the matter is that I myself do not have the answers for someone in her situation. If some reader does, then perhaps they could enlighten us all.

— The author can be reached at talmaeena@aol.com. Follow him on Twitter @talmaeena

Photo Credit: Saudi Gazette 

_____BEGIN ITALIAN TRANSLATION_____

L’altro Lato Della Cortina
Di Tariq A. Al-Maeena
Saudi Gazette
15 Maggio 2013
Traduzione Italiana di A.P.

C’è una febbre nell’aria, generata dal recente giro di vite del dipartimento per i passaporti e dei funzionari del Ministero del Lavoro sullo status dei residenti illegali o degli stranieri che violano le norme sulla residenza. Il Custode delle Due Sante Moschee re Abdullah nella sua benevolenza ha concesso una dilazione di tre mesi a favore di coloro che possiedono documenti sospetti affinchè li rettifichino.

Mentre sono stata annunciate nuove regole per alleggerire il peso che grava su centinaia di migliaia di persone che violano le regole sulla residenza, sembra che ci sia un gruppo che si sente ignorato e abbandonato ai margini senza molta speranza di una ricompensa. Nel caso di una straniera che si trova in una situazione di questo tipo, è richiesta la comprensione per la difficile situazione nella quale si viene a trovare. Ma lascerò ai miei lettori giudicare da loro stessi.

Questa è la sua storia: “Buongiorno, signor Tariq. Di solito non scrivo lettere ai quotidiani, ma in questo caso ho scoperto che dovevo fare questa domanda. Ho incontrato e sposato il mio marito saudita nel 1988, e ho lasciato il mio paese e la mia famiglia per venire a vivere in Arabia Saudita. Mio marito è morto nel 2002, Dio abbia pietà della sua anima. Ho una figlia da mio marito, che adesso ha 13 anni.

“Dopo la sua morte non ho potuto rinnovare il mio iqama per 5 anni per via di alcune questioni delicate con i miei parenti. Non collaboravano né erano sinceri con me e mia figlia. Alla fine ho dovuto scrivere al governatore di Riyadh per ottenere il permesso di trasferire il mio iqama ad un vecchio amico di famiglia, e lui me l’ha concesso. Il nostro vecchio amico di famiglia è mancato circa tre mesi fa per via dell’età e della salute precaria, che Dio benedica la sua anima.

“Così adesso mi trovo nella stessa barca, per così dire. Devo di nuovo cercare qualcuno che mi sponsorizzi e trasferire a questa persona la mia sponsorizzazione, il che non è facile nell’attuale clima di sauditizzazione. Capisco a fondo e appoggio lo sforzo per la sauditizzazione. Tuttavia, mi auguro che il governo prenda in considerazione la situazione delle donne che sono venute qui per matrimonio e non per guadagno.

“Perchè dopo che una persona, e potrebbere essere chiunque, trascorre un certo tempo in un posto, eredita gli amici, il suo posto nella società e il suo senso di benessere e sicurezza. Credo ci sia un detto in arabo che se trascorri 40 giorni con delle persone diventi come loro. Bene, io ho trascorso quasi 25 anni della mia vita qui e mi piacerebbe sentirmi un po’ più sicura della mia situazione rispetto a una persona che è appena arrivata in questo paese per lavoro.

“Oggi mi trovo in un posizione molto vulnerabile, in quanto madre di una ragazza di 13 anni e vedova straniera senza uno sponsor. Non sono sicura di come le leggi verranno applicate in questo caso particolare, ma cosa succederà se non riesco a trovare uno sponsor prima che finisca la dilazione? Qualcuno sarebbe così gentile da capire la mia gravissima situazione e compiere il gesto onorevole di concedere a me e a mia figlia una sponsorizzazione senza condizioni e senza richieste irragionevoli?

“Non è facile trovare sponsor di questo tipo. Specialmente nell’attuale clima in cui molti hanno paura di prestare i loro nomi ad uno straniero. Dovrebbe essere un parente o un collega di mio marito, ma come ho già detto non sarebbe nessuno della sua famiglia. Loro sono stati contro il matrimonio fin dall’inizio, e hanno fatto di tutto per cercare di porre fine al nostro matrimonio. Solo la devozione di mio marito a me e alla nostra bambina ha fatto sì che non ci riuscissero. Adesso mi incolpano della sua morte precoce, senza rendersi conto del vuoto che si è creato nella mia esistenza quotidiana.

“Ma devo lasciare da parte la mia infelicità e cercare una soluzione. Se non riesco, ho paura degli effetti. Vorrebbe dire che il paese nel quale ho trascorso molti anni con il mio marito saudita e ho fatto crescere la mia bambina non è più casa e che sarei costretta ad andarmene? E’ giusto questo? Non abbiamo infranto la legge. Siamo state semplicemente abbandonate. Sono sicura che ci sono altre donne in situazioni simili alla mia, ma non c’è molta chiarezza nelle notizie su come la nostra situazione possa essere alleggerita senza separarci dalla terra che siamo arrivate a chiamare casa.

“La mia speranza nello scriverle questa lettera è che forse lei possa prendere in mano la sua penna eloquente e scrivere un articolo su questa situazione. Grazie per il tempo dedicato a leggere la mia lettera. Sinceramente, C.”

E’ stata una lettera davvero difficile da scrivere. La perdita legata alla morte di un coniuge è già abbastanza difficile da sopportare, ma il problema di non essere sicuri della propria residenza è un carico incredibile di preoccupazione. Vorrei essere in grado di rivolgermi alle sue incertezze offrendo una rassicurazione completa, ma la verità è che io stesso non ho risposte per una persona nella sua situazione. Se qualche lettore ne ha, forse potrebbe illuminarci.

taraummomarsignature1

Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 102 other followers

%d bloggers like this: